La tradizionale sfilata dei vestitini di carta a Piedigrotta 2018

thumbnail (8)

Domenica 9 settembre durante la Festa di Piedigrotta, ci sarà la sfilata dei tradizionali vestitini di cartaun’arte antica arrivata fino a noi: alla sfilata possono partecipare tutti bimbi, come vi racconto da ormai 4 anni.

Ecco come.

Domenica 9 settembre, alle ore 18:00 (partenza ore 19:00) appuntamento davanti alla Stazione della Metropolitana di Mergellina per tutti i bambini vestiti con la carta crespa,  per arrivare nella Basilica di S.M.di Piedigrotta attraverso il suo sagrato recentemente ri-pedonalizzato.
Se non avete un vestitino di carta da far indossare ai vostri bimbi, potete provare a realizzarlo a casa insieme a loro, come facevano una volta le nostre mamme, nonne, zie. Se siete super tecnologiche potete fare ricorso ad uno dei vari tutorial online, o, se siete negate come me e volete un aiuto concreto (o addirittura un costume già fatto della misura del vostro bimbo o bimba), potete recarvi da lunedì a venerdì alla Sala Santa Maria delle Grazie (ex capellina)  presso le Rampe di S.Antonio a Posillipo numero 16, dalle 17:00 alle ore 18:15.

Vi aiuteranno delle brave sarte volontarie (hanno realizzato il vestito da sposa di carta che ho messo in foto) che, con una piccola offerta, lo realizzeranno per voi. 

A questa sala si accede salendo le rampe a piedi, dall’Ospedale Militare: si trova sulla sinistra salendo dopo la prima curva.

Il punto googlemap è questo:

https://goo.gl/maps/PDzVEdsjr5s 

Info: Rosaria 3336365973

Per tutte le iniziative della Festa religiosa, potete seguire l’agenda della chiesa .

Non posso che lasciarvi con il saluto che nacque proprio dai pescatori di Mergellina:

“A Madonna v’accumpagne!”

***

Chiesa di Piedigrotta: 081669761

parrocchia@madonnadipiedigrotta.it

Facebook: https://www.facebook.com/Madonna-di-Piedigrotta/

Il programma completo della festa 2018 QUI 

Annunci

Piscine per bambini, Parchi acquatici e Mare a Napoli e dintorni 2018

Le scuole sono chiuse, il caldo avanza… concediamoci un giorno di vacanza!

Anche per chi resta in città è possibile dedicare una giornata (o anche mezza in alcuni casi) a farsi un bagnetto, ecco alcune proposte:

PISCINE

Neapolis Sporting Club – Arenella. Immersa in un oasi ecologica di trentamila metri quadri e con affaccio sul panorama del golfo di Napoli, con parcheggio riservato.
Offre per i bambini un piscina dedicata con ingresso graduale “a spiaggia” (affianco a quella per adulti) e un’area giochi. Bar e Ristorante.

JEMMING – Colli Aminei. Una discesa di fronte all’ospedale Cardarelli nasconde un bel centro: una zona piscine riservata ai soli adulti e una per i bambini con area giochi con gonfiabili e parco giochi. Ha un risotrante/braceria ed è panoramico

Il Giardino delle Ninfe – Pianura. Situato in uno dei crateri del Parco regionale dei Campi Flegrei, offre una piscina media e una piccola, un piccolo centro sportivo e maneggio.

Le Foglie d’argento – Bacoli: piscina olimpionica, piscina per bambini, parcheggio custodito, area giochi, area ristoro, snack bar, self-service, nursery, spogliatoi, docce calde e fredde.

Terme di Agnano – Agnano. Ai bambini sotto i 12 anni è riservata solo una piscina di acqua dolce.

Caravaggio Sporting Village – Fuorigrotta. C’è un solarium con piscina.

Le Rocce verdi – Posillipo. Due piscine d’acqua di mare: una per adulti, una per bambini, una zona giardino panoramica, bar, discesa al mare (non adatta ai più piccoli).

Karibù Club – Giugliano. Piscina per adulti e per più piccoli, con acquascivolo e cascata, area giochi. Immersa nel verde offre solarium, bar, ristorante.

Village – Varcaturo. Piscina per adulti e bambini, area verde con giostrine, parcheggio gratuito, bar, area pic nic ombreggiata.

Stufe di Nerone – Bacoli. La zona termale interna è riservata ai maggiori di anni 12, i bambini sono ammessi nella piscina termale esterna e in una piscina dedicata (non riscaldata). Il prezzo è uguale a quello degli adulti. In alcuni periodi è prevista un’animazione per bambini.

Tennis Hotel – Agnano. Una piscina per adulti ed una per bambini una vicino l’altra (comodo per tenere d’occhio tutti). Bar poco fornito ma con prodotti di buona qualità (panini, pizza, primo del giorno su ordinazione entro le 12). Spogliatoi e docce calde. Prenotazione obbligatoria nei week-end.

Per un’idea dei prezzi vi rimando a questo post trovato in rete.

ACQUAPARK

Pareo Park Giugliano (tangenziale di Napoli – Uscita Licola) ex Magic World: “il parco acquatico più grande del sud Italia”. Sette piscine, diciassette attrazioni acquatiche, aree verdi e baby parking: queste le attrazioni pubblicizzate sul sito.

Ditellandia in Mondragone (CE). Ci sono stata qualche anno fa a inizio agosto, in settimana, ci siamo divertiti da matti! Sconsiglio di andarci con i bimbi nel weekend e in pieno agosto perchè mi dicono che c’è calca e file lunghe.

Gloriavillage Sant’Antimo(NA)

Valle dell’Orso Torre del Greco (NA)

Free Time Acquapark Giugliano in Campania (NA). Piccolo e family friendly, adatto ai piccoli e a chi non ama la calca. Recensione qui.

Jolly Park – Dragoni (CE)

Oasi del Sol Alvignano (CE)

Isola Verde Pontecagnano Faiano (SA)

Acquafarm Battipaglia (SA)

MARE

Fino al 9 settembre 2018 torna il collegamento Eav quotidiano tra il Vomero e Miseno. Fermate e orari qui.

Per chi preferisce il mare e non può allontanarsi dalla città vi segnalo la mappa interattiva della balneazione messa a disposizione dall’ARPAC, in azzurro trovate le coste dove la qualità dell’acqua è eccellente: tra le migliori Posillipo e tra Baia, Bacoli e Torregaveta, ma è balneabile anche il lungomare. E come mare pubblico non dimentichiamo, a Posillipo, Riva Fiorita, Marechiaro, Gaiola e, se volete solo prendere il sole, a Bagnoli la casina pubblica sul mare da poco ripristinata e attrezzata.

Per una selezione di spiagge vi rimando alla mappa dei lidi e a questo articolo.

I lidi di Napoli

Città della Scienza Estate 2018

Città della Scienza non va in vacanza!
Nel periodo che va dal 12 giugno al 30 luglio Città della Scienza sarà aperta al pubblico dal martedì alla domenica dalle 10.00 alle 16.00.

La pausa estiva di agosto sarà l’occasione per aprire il cantiere delle idee e degli allestimenti e preparare nuove straordinarie sorprese per l’autunno. Le aree espositive di: Corporea, Mostra Mare, Mostra Insetti&Co e il Planetario infatti, chiuderanno dal 30 luglio al 3 settembre per consentire i lavori di manutenzione e ristrutturazione.

Il mese di ottobre si aprirà con una serie di grandi appuntamenti, primo dei quali sarà la 3 Giorni per la Scuola – STEAM, la convention nazionale dedicata al mondo della scuola che si svolgerà il 10, 11 e 12 ottobre 2018 in cui scuole d’Italia di ogni ordine e grado – insieme alle aziende che producono prodotti e servizi per la scuola e la formazione, alle associazioni, alle istituzioni pubbliche – si confrontano sulle buone pratiche realizzate e sul significato dell’innovazione didattica e dell’uso delle nuove tecnologie.

Dal 22 al 24 ottobre Città della Scienza ospiterà poi la China Italy Science, Technology e Innovation Week, il programma di cooperazione scientifica e tecnologica tra Italia e Cina che la Città della Scienza promuove e gestisce dal 2006 e che rappresenta oggi la cornice nella quale l’Italia e la Cina collaborano sui temi della Ricerca ed Innovazione, sotto l’egida dei rispettivi Governi.

Gli spazi espositivi infine riapriranno al pubblico con la grande mostra annuale Futuro Remoto. Un viaggio tra scienza e fantascienza, una delle più importanti manifestazioni di divulgazione della cultura scientifica e tecnologica del panorama italiano ed europeo, quest’anno dal tema RI-GENERAZIONI, che si terrà dall’8 all’11 novembre a Città della Scienza e in altri luoghi di Napoli.

INFORMAZIONI SU ORARI DI APERTURA E BIGLIETTERIA ESTATE 2018 in sintesi

Orari a partire dal 12 giugno al 30 settembre*

Dal martedì alla domenica dalle 10.00 alle 16.00
Lunedì: chiuso
*Dal 30 luglio al 3 settembre il museo rimarrà chiuso a causa di lavori di manutenzione delle aree espositive

Biglietto di ingresso (valido dal 12 giugno al 30 settembre)

Biglietto unico adulti/bambini: 7€
Planetario 5€
Science Centre + Planetario 10€.

Info: http://www.cittadellascienza.it/notizie/citta-della-scienza-non-va-in-vacanza-scopri-gli-orari-dal-12-giugno-a-30-settembre-2018/

Un fuoriporta da film: Cinecittà World

Cinecittà world, a meno di 3 ore da Napoli, è un parco divertimenti coinvolgente.

Ecco a voi la nostra recensione familiare… a 8 mani!
L’unico vero ostacolo è logistico: se vi affidate al navigatore, il punto su googlemaps vi condurrà all’accesso del personale: non usatelo! Salvatevi questo:
https://goo.gl/maps/sy3nPGX9w8D2 (Coordinate 41,7104319, 12,4467323)

Le attrazioni VR sono molto coinvolgenti. Ne abbiamo provate due: la Guerra dei mondi e il Labirinto. Nella Guerra dei mondi si deve respingere un’invasione aliena e il gioco è da fermi. Nel Labirinto invece si deve scappare muovendosi in un labirinto simulato. Entrambe le attrazioni sono molto coinvolgenti: da rifare!

Jurassic World invece è un’attrazione nuova davvero molto bella: si entra a gruppi di 90 in un treno che pur non muovendosi simula molto efficacemente un viaggio tra i dinosauri grazie agli effetti 4d.
Non solo per i piccolini c’è un Playground molto grande e valutato bellissimo dai nostri figli.
Le montagne russe sull’acqua sono molto divertenti anche se, non avendo visto dove si vendevano i poncho, ci siamo bagnati… ma ne valeva la pena!

L’attrazione Altair è solo per i più coraggiosi: infatti è accessibile solo alle persone che superano i 140 cm di altezza, l’attesa non è molto lunga ma bisogna andarci a stomaco vuoto perché vi aspettano 10 giri della morte!
Inferno è una montagna russa al chiuso con molti colpi di scena mozzafiato.
Subito dopo l’entrata vi accoglieranno delle urla apparentemente ingiustificate ma la motivazione c’è: un urlometro per misurare le tue urla da paura!
In tutto il parco sono meravigliose le scenografie sia delle attrazioni sia dei negozi e dei ristoranti: vi sembrerà di stare proprio all’interno di un film, così come anche quando all’ingresso vi troverete ripresi dagli zoom sul maxischermo.
Abbiamo provato il ristorante Far West, un fast food di buon livello in cui però conviene non andare in ora di punta (abbiamo fatto un’ora di fila alle casse).
L’ultima annotazione è l’attenzione al bio e al vegano. Ad esempio nei bar non sono in vendita succhi con gli zuccheri ma solo 100% frutta, molto buoni.

Nei giorni festivi vale la pena valutare il saltafila!

Prezzi speciali per famiglie: https://www.cinecittaworld.it/Vendita/Biglietti-e-prezzi

Noi abbiamo soggiornato in un appartamento, ma è da valutare anche la formula parco+hotel.

 

 

Piccolo Regno Incantato laboratori gratis a Pasqua


Al Complesso di San Domenico Maggiore

il “Il Piccolo Regno Incantato” aspetta grandi e piccini anche nei giorni di Pasqua e Pasquetta (dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00) al Complesso di San Domenico Maggiore. Grazie a Old Wild West, partner di questa edizione primaverile, è possibile scaricare dal sito www.ilpiccoloregnoincantato.com un coupon che garantisce l’ingresso gratuito ai bambini fino a 11 anni. Il coupon è valido fino alla chiusura del Piccolo Regno Incantato, prevista il 22 aprile.

Il coupon è valido fino alla chiusura del Piccolo Regno Incantato, prevista il 22 aprile.

Il grande spettacolo dedicato alle favole, prodotto e organizzato da Volare Srl, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, fa vivere ai bimbi le emozioni del mondo di Cenerentola, I Tre Porcellini, Cappuccetto Rosso, Peter Pan, La Spada nella Roccia, Pinocchio, Alice nel Paese delle Meraviglie, Biancaneve e Mary Poppins; e porta con sé le “Stanze della fantasia”, laboratori creativi gratuiti. La partecipazione ai laboratori va prenotata al botteghino nel cortile del Complesso di San Domenico Maggiore o inviando una mail all’indirizzo: produzionenapoli@ilpiccoloregnoincantato.com. Ecco il calendario dei laboratori.Sabato 31 marzo, domenica 1 aprile e lunedì 2 aprile (dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19), in programma “La falegnameria dell’attore”, laboratorio di lettura a cura di Leggimi Forte, che si terrà anche martedì 3 aprile, dalle 10 alle 13. Sempre martedì 3 aprile, dalle 15 alle 19, spazio alla Factory Design della Favole a cura di Viviana Falace per ViGroup International Social Art Association, in programma anche domenica 8 aprile dalle 10 alle 13 e mercoledì 11 aprile dalle 15 alle 19.

Sabato 7 aprile (dalle 10 alle 13), Laboratorio di gioco e creatività a cura di Ludobus e Artingioco (rete Campania per bimbi), in programma anche giovedì 12 aprile (dalle 10 alle 13). Venerdì 13 aprile, dalle 10 alle 13, il calendario prosegue con un Laboratorio di sensorialità e sana alimentazione a cura di Agrigiochiamo (rete Campania per bimbi). Sabato 21 e domenica 22 aprile (dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19), laboratorio “Impariamo da Nonna Anna” a cura di Chirico Grano. Nelle “Stanze della Fantasia” i bambini potranno anche trascorrere il loro tempo nella libreria permanente allestita da Old Wild West. L’ora della merenda è curata da Pernigotti, che conserva i sapori e i valori della tradizione.Ph Credit: Viviana Falace Ingresso:12 euro (adulti) e 10 euro (bambini da 3 a 11 anni).
Bambini fino a 3 anni non compiuti: ingresso gratuito. Sconto sul biglietto d’ingresso al botteghino del Piccolo Regno Incantato per i possessori card La Feltrinelli (Titolari Carta Più e Carta MultiPiù) e Campania per Bimbi e per chi presenterà il biglietto Citysightseeing.

Nelle “Stanze della Fantasia” i bambini potranno anche trascorrere il loro tempo nella libreria permanente allestita da Old Wild West. L’ora della merenda è curata da Pernigotti, che conserva i sapori e i valori della tradizione.Ph Credit: Viviana Falace Ingresso:12 euro (adulti) e 10 euro (bambini da 3 a 11 anni).
Bambini fino a 3 anni non compiuti: ingresso gratuito. Sconto sul biglietto d’ingresso al botteghino del Piccolo Regno Incantato per i possessori card La Feltrinelli (Titolari Carta Più e Carta MultiPiù) e Campania per Bimbi e per chi presenterà il biglietto Citysightseeing.

Fiabe di Primavera 2018 all’Orto Botanico di Napoli

Tornano LE FIABE DI PRIMAVERA 2018 all’Orto Botanico di Napoli, dal 17 marzo al 10 giugno, ogni sabato e domenica, ore 11, per famiglie.

Nel magnifico giardino napoletano di via Foria si svolgeranno gli affascinanti percorsi teatrali proposti dall’Associazione I Teatrini e dall’Università degli Studi Federico II e realizzati per La Scena Sensibile in collaborazione con la Regione Campania ed il Comune di Napoli.

Gli spettacoli si svolgeranno tutti i giorni e saranno dedicati alle famiglie nei weekend.

In questa nuova stagione, che annuncia circa 80 giorni di spettacolo per oltre 130 repliche, l’autrice e regista Giovanna Facciolo, mette in scena per I Teatrini alcuni tra i titoli di maggior successo fin qui prodotti, a partire da Il popolo del bosco (il primo ed il più longevo, giunto al 22 ciclo di repliche) con Monica Costigliola, Renata Wrobel, Alessandro Esposito (maschere, figure e costumi di Bruno e Rosellina Leone) in una nuova edizione in programma sabato 24 marzo (ore 11, replica domenica 25).

Nel magico scenario del Real Giardino delle Piante, voluto nel 1807 da Giuseppe Bonaparte, si realizza un percorso teatrale che, attraverso l’incontro con esseri magici, abitanti dei luoghi “verdi”, svela ai piccoli spettatori tanti segreti e leggende affascinanti. Lo spettacolo coinvolge attivamente i bambini che possono interagire con i vari personaggi ispirati alle favole, ai miti e alle leggende popolari legate al bosco. “Può essere – spiega l’autrice e regista Giovanna Facciolo – che alcuni siano più dispettosi e indisponenti, altri più disposti ad aiutarci e diventare nostri amici, altri soltanto a guardarci e poi… scomparire. Alla fine di questo viaggio forse anche la scettica guida scientifica si arrenderà all’evidenza e arriverà a credere finalmente all’esistenza di questo “mondo parallelo” che abita i boschi, ma che sopravvive anche nei pochi spazi verdi della città, Orto Botanico compreso”.

La rassegna propone ancora gli spettacoli L’albero del sole da Andersen (da sabato 7 a domenica 29 aprile), Le favole della saggezza da Esopo, Fedro e La Fontaine (da sabato 5 a sabato 26 maggio) e, per finire, Nello specchio di Biancaneve, dai Fratelli Grimm (in prima assoluta, da sabato 12 maggio a domenica 10 giugno).

Biglietto: euro 7, unico per adulti e bambini.

Info e prenotazione obbligatoria:

tel. 0810330619 (ore 9,30 – 17) http://www.iteatrini.it
euro 7, unico per adulti e bambini.

Info e prenotazione obbligatoria:

tel. 0810330619 (ore 9,30 – 17) http://www.iteatrini.it

Orari:
Sabato e domenica, ore 11

Lun./ven. ore 9.30 e ore 11

IL PROGRAMMA:

sabato 24 e domenica 25 marzo, ore 11

IL POPOLO DEL BOSCO di Giovanna Facciolo

sabato 7 e domenica 8 aprile, ore 11

L’ALBERO DEL SOLE da Andersen

(repliche fino a domenica 29 aprile)

sabato 5 e domenica 6 maggio, ore 11 e ore 17 (in occasione di Planta 2018)

LE FAVOLE DELLA SAGGEZZA da Esopo, Fedro e La Fontaine

(repliche fino a sabato 26 maggio)

sabato 12 maggio, ore 11 – PRIMA ASSOLUTA

NELLO SPECCHIO DI BIANCANEVE dai Fratelli Grimm

(repliche fino a domenica 10 giugno).

SCHEDE SPETTACOLI

sabato 24 e domenica 25 marzo, ore 11

IL POPOLO DEL BOSCO di Giovanna Facciolo

Testo e regia di Giovanna Facciolo, con Monica Costigliola, Renata Wrobel, Alessandro Esposito; maschere, figure e costumi di Bruno e Rosellina Leone. Nel magico scenario del Real Giardino delle Piante, voluto nel 1807 da Giuseppe Bonaparte, si realizza un percorso teatrale che, attraverso l’incontro con esseri magici, abitanti dei luoghi “verdi”, svela ai piccoli spettatori tanti segreti e leggende affascinanti. Lo spettacolo coinvolge attivamente i bambini che possono interagire con i vari personaggi ispirati alle favole, ai miti e alle leggende popolari legate al bosco. “Può essere – spiega l’autrice e regista Giovanna Facciolo – che alcuni siano più dispettosi e indisponenti, altri più disposti ad aiutarci e diventare nostri amici, altri soltanto a guardarci e poi… scomparire. Alla fine di questo viaggio forse anche la scettica guida scientifica si arrenderà all’evidenza e arriverà a credere finalmente all’esistenza di questo “mondo parallelo” che abita i boschi, ma che sopravvive anche nei pochi spazi verdi della città, Orto Botanico compreso”.

sabato 7 e domenica 8 aprile, ore 11

L’ALBERO DEL SOLE da Andersen

(repliche fino a domenica 29 aprile)

L’albero del sole è uno spettacolo di Giovanna Facciolo tratto dalle fiabe di Hans Christian Andersen. ’’L’Albero del Sole era un albero magnifico, la sua chioma si estendeva per molte miglia, essa era in realtà una vera foresta e ciascuno dei suoi rami più piccoli era a sua volta un intero albero’’ così Andersen descriveva questa meraviglia della natura nella favola La pietra filosofale. Un bellissimo albero, che contemporaneamente accoglieva ’’sui suoi forti rami palme, faggi, pini, platani e tutte le altre specie vegetali che esistono da un capo all’altro del mondo. Un paradiso in cui si ergeva un castello di cristallo con vista su tutti i paesi del pianeta e su cui brillava sempre il sole’’. A partire da questa suggestione, l’autrice e regista realizza e ambienta lo spettacolo, ispirato alle fiabe di Andersen, nel verde scenario dell’Orto napoletano. Con Monica Costigliola, Adele Amato de Serpis, Leonardo Noto, i costumi sono di Anna Radetich, la regia è di Giovanna Facciolo. ’’Nel descrivere l’Albero del Sole – sottolinea Giovanna Facciolo – ho immaginato che Andersen parlasse dell’Orto Botanico di Napoli e così ho pensato di allestire qui lo spettacolo dedicato proprio al magico albero citato dal grande scrittore danese’’. Nello sviluppo dell’azione, che presenta una consueta struttura itinerante, l’orto napoletano si trasformerà nel mondo incantato del grande Albero del Sole. All’ingresso i piccoli spettatori incontreranno Andersen in persona, alla ricerca disperata dell’ispirazione per una nuova fiaba. Il pubblico sarà così coinvolto dallo scrittore nel viaggio alla scoperta della ‘favola perduta’, percorrendo i sentieri della fantasia attraverso i meravigliosi spazi del giardino napoletano. Di volta in volta, si incontreranno vari personaggi delle fiabe di Andersen, come Pollicina o l’Usignolo dell’Imperatore, che contribuiranno alla soluzione del problema e al proverbiale lieto fine della storia.

sabato 5 e domenica 6 maggio, ore 11 e ore 17 (in occasione di Planta 2018)

LE FAVOLE DELLA SAGGEZZA da Esopo, Fedro e La Fontaine

(repliche fino a sabato 26 maggio)

Da Esopo e Fedro a La Fontaine, drammaturgia e regia di Giovanna Facciolo, con Annarita Ferraro e Melania Balsamo; percussioni di Dario Mennella; maschere e oggetti di scena di Marco Di Napoli. Ai piedi di un bellissimo ulivo, nell’Orto Botanico di Napoli, prendono vita le più famose favole di animali parlanti che dall’antichità hanno attraversato i secoli e le civiltà e che ancora oggi tutti conosciamo sin dalla prima infanzia: La volpe e l’uva, La volpe e la Cicogna, Il Lupo e l’Agnello, La volpe e il Corvo, La Cicala e la Formica, La Lepre e la Tartaruga, Gli animali malati di peste, Il lupo e la gru. Le percussioni e le giocose sonorità dialogano dal vivo con i divertenti e ironici personaggi che tramandano sagaci insegnamenti; animali portatori di vizi e di virtù di quell’umanità sempre uguale a se stessa, e che in queste storie si guarda allo specchio. Ogni favola è come un’immagine semplice, comprensibile in ogni luogo e in ogni tempo e quasi sempre traducibile in un proverbio: c’è il furbo, l’ingenuo, il potente prepotente, l’umile, l’ipocrita adulatore, lo sciocco, il previdente, l’arrogante, il presuntuoso, l’innocente. Per tutti c’è una morale che ci insegna a destreggiarci nella vita. Semplici storie per maschere e tamburi, scaltri riflessi di vizi e di virtù, pillole di saggezza quotidiana e morali universali per grandi e bambini.

sabato 12 maggio, ore 11 – PRIMA ASSOLUTA

NELLO SPECCHIO DI BIANCANEVE dai Fratelli Grimm

(repliche fino a domenica 10 giugno).

Uno spettacolo di Giovanna Facciolo, ispirato alle fiabe dei F.lli Grimm. Protagonista dello spettacolo è lo specchio di Biancaneve. Stanco della stessa famosa domanda “Specchio, specchio delle mie brame chi è la più bella del reame?” che lo perseguita da secoli, si è ribellato alla propria schiavitù abbandonando la sua fiaba e fuggendo lontano dalla cattiva e prepotente Regina, preoccupata solo della propria bellezza. E qui, proprio tra gli alberi dell’Orto Botanico, si è infine rifugiato, in cerca di po’ di tranquillità e altre fiabe da “riflettere”. Così, seguendolo, attraverseremo i boschi delle fiabe più conosciute, evocati dallo scenario naturale di questo luogo incantevole, dove incontreremo Biancaneve, Cappuccetto Rosso, Hansel e Gretel e le loro storie, streghe e lupi compresi. Ma siamo sicuri che la cattiva Regina si sia rassegnata a non ottenere più la sua risposta?