Miró al PAN – La mia visita con i bambini Fai da Te

Ho improvvisato una visita al PAN con i miei di 6 e 9 anni, ero stata con loro a vedere Escher e mi sono assicurata che ci fossero delle audioguide dedicate perchè mi ricordavo che erano molto ben fatte.

Durante l’attesa della funicolare e il tragitto ne ho approfittato per dar loro qualche breve informazione, ho letto loro questo “Invito” e letto queste paginette in cui Joan Mirò si racconta ai bambini.

Abbiamo seguito il percorso con l’audioguida (è possibile alzare un pò il volume ed ascoltare anche in due 😉 ), sempre divertente e istruttiva, seguendo i numeri con la macchia.

L’esposizione è molto tradizionale, non ci sono stanze speciali o elementi interattivi, il video finale, senza commenti audio, annoia presto i bambini, meglio fargli vedere le foto che sono di lato mentre crea alcune delle opere lì esposte. Non c’è nessuno shop alla fine, solo il catalogo. Peccato, speravo di trovare questo o almeno un ricordino.

Il maschietto, più pragmatico, continuava a dire “ma un cerchio e un punto su un foglio bianco non è un quadro… è uno scarabocchio!“, la femminuccia ha gradito. In fondo molti dei suoi disegni sembrano ispirati a quelli dei bambini e mi ha fatto piacere far loro conoscere questo mondo.

I quadri hanno solo informazioni di base, senza dettagli, ci sono dei pannelli informativi per sezione. Consiglio quindi l’audioguida o un laboratorio didattico, da prenotare, a cui è dedicata una bellissima sala (vd. foto mia) e di cui vi abbiamo parlato in questo articolo. Ecco il Calendario di Novembre e Dicembre.
Fino al 23 febbraio si potranno ammirare 80 opere originali di Joan Miró, il maestro Catalano grande esponente del surrealismo.

  • Orari: da lunedì a domenica 9:30 – 19:30 (martedì chiuso)
  • Dove: PAN Palazzo delle Arti Napoli – Via dei Mille, 60, 80121 Napoli NA
  • Info e prenotazioni laboratori  39 334 132 42 81
  • Biglietti: Intero € 12,00, Ridotto bambini (dai 6 anni) € 5,00,
  • Audioguide: Adulti € 4,00 Bambini € 2,50

Per approfondimenti: Mirò spiegato ai bambini, Biografia ed opere in 2 minuti, Sezioni della mostra

Annunci

Oggi il mio bambino mangia: l’app gratuita

“Oggi il mio bambino mangia”, l’app gratuita per vedere il menù scolastico, è attiva per Napoli anche quest’anno. E sostiene le #FesteMenoRifiuti 🙂

Tunes:
https://itunes.apple.com/it/app/oggi-il-mio-bimbo-mangia/id1071154888?mt=8

Google Play Store :
https://play.google.com/store/apps/details?id=it.mistersoftware.pappadaily.fc

Il tuo Compleanno MonousoFree: partono le “Feste MenoRifiuti”

Come annunciato ad agosto, sulla scia della nascita delle “stoviglioteche”, cioè il servizio di prestito di stoviglie lavabili per feste di bimbi (idea lanciata da Linda Maggiori e ormai attiva in tutta Italia), è proprio in chiusura della Settimana del Clima che lanciamo la sfida a tutti i locali che organizzano feste per bambini.

Facciamo meno spazzatura! Usiamo poco Monouso! La festa sarà più bella con poco Usa&Getta perché stiamo regalando un futuro migliore ai nostri piccoli!

E facciamolo insieme!

Voi locali ci proporrete feste in cui si spreca meno, non si butta ma si lava e riusa.

E noi genitori vi sceglieremo con gioia 🙂

Non basta più riciclare con la raccolta differenziata, ma certamente tutto ciò che non si può riusare va riciclato nel cestino giusto.

Le #FesteMenoRifiuti scelgono di ripensare alcune abitudini partendo dalle feste dei più piccoli perché ogni volta che #buttoMeno (e invece #Lavo&Riuso ) sto creando #ZeroSpreco
NapoliPerBambini lancia questa sfida ai locali e ai PartyPlanner: pubblicità gratuita ai locali che useranno le buone pratiche anti-spreco per #FesteMonousoFree
Perché #NonSprecareilPianeta è il più bel regalo che possiamo lasciare ai nostri figli.
LE REGOLE DEL GIOCO: FESTE MENO RIFIUTI.
Proponi ai tuoi clienti queste possibilità:
1. Riusa le stoviglie.
Fornisci piatti, bicchieri e posate in materiali infrangibili e lavabili, al posto dell’usa e getta (soprattutto plastica ma anche bioplastica e compostabile: sono comunque rifiuti).
2. Riduci le bottiglie.

Al posto dell’acqua minerale proponi l’acqua del rubinetto in brocca: l’acqua è un bene comune e l’acqua in bottiglia è utilizzata troppo (purtroppo l’Italia detiene questo record negativo), senza che sia più sicura di quella pubblica, anzi.

3. Ricicla attraverso la raccolta differenziata.

È vietato usare il “cestino unico”: ricorda di sistemare sempre più cestini vicini (almeno a coppia plastica+organico), su cui avrai incollato in modo chiaro ed evidente i rifiuti che vanno dentro (puoi chiedere schede da stampare a napoliperbambini@gmail.com).

4. Riduci il materiale non-riciclabile.
Il cestino grigio dell’indifferenziato costituisce il contrario del riciclo: tutti i materiali che metterai lì finiranno in discarica e inceneritore: è importante quindi metterne pochi!

5. Non buttare il cibo.

Gli scarti alimentari vanno riciclati nell’organico, ma se avanza un bel pezzo di torta o dei panini?

Aiuta il festeggiato di portarli con sé o, se non vuole o non può, crea la “festa sospesa”: conserva gli alimenti e mettili a disposizione o per una prossima festa o per chi può averne subito bisogno (mensa dei poveri o altro presente in zona), pubblicizzandolo sui tuoi social.
6. Comunica e informa.

Nomina un responsabile della festa per la gestione dei rifiuti “EcoPlanner“, il quale prima di tutto durante la festa controllerà i rifiuti conferiti (e eventualmente li sposterà) e poi a fine festa mostrerà al festeggiato e alla sua famiglia quanto poco ha buttato durante la festa e, quindi, quanto ha protetto il pianeta con le sue semplici scelte.

La foto del bimbo accanto alle buste trasparenti e colorate potrà essere inviata dal genitore a napoliperbambini@gmail.com o come messaggio fb per partecipare al nostro concorso.
A fine anno, pubblicheremo un collage di foto con i bimbi “meno spreconi”.
I PASSI IN PIÙ: FESTE ZERO RIFIUTI.
Oltre ai 6 punti precedenti, siamo certi che ci aiuterai a trovare altri modi per non sprecare.
Te ne suggeriamo altri 4, siamo certi che avrai altre idee da proporre.
Praticando almeno UNO tra i seguenti, ti invieremo il logo di ‘FesteZeroRifiuti‘.
7. Riduci le bottiglie delle bibite: rifornisciti presso i rivenditori di bibite in vetro che praticano il vuoto a rendere (il nome dell’azienda sarà pubblicizzato).
8. Riusa per la pulizia. Usa prodotti di pulizia e igiene ‘alla spina‘, rifornendoti presso un “negozio leggero” (il nome del negozio sarà pubblicizzato).
9. Riusa il tovagliato. Proponi tovaglie e tovaglioli lavabili.
10. Utilizza il minor quantitativo possibile di imballaggi: oltre ai punti precedenti, se usi altre pratiche per ridurre i rifiuti, comunicacele.
LE ISTRUZIONI:
1) Stampa il logo ‘Festa MenoRifiuti’ o ‘Feste ZeroRifiuti’ e le locandine con le pratiche che hai adottato, tra le 10 proposte: esponile nel tuo locale.
2) Pubblica sulla tua pagina Social una foto o un video delle tue FesteMenoRifiuti invitando il pubblico a sceglierle.
3) Usa i seguenti hashtag
#FesteMenoRifiuti #FesteMenoRifiuti #FesteMonousoFree #ZeroSpreco #Lavo&Riuso #buttoMeno
#NonSprecareilPianeta
#MenoRifiutiPiuFuturo
4) Mandaci le foto e i video con un messaggio privato su Facebook o napoliperbambini@gmail.com
Saremo felici di fare pubblicità a chi sceglie di cambiare il mondo in meglio, partendo dai bambini, il nostro futuro!

Ci vediamo al Pan con Mirò!

Visite guidate, percorsi creativi e laboratori a cura delle Associazioni di Pankids: Arteteca at work, Archipicchia! Architettura per Bambini, Kolibrì , La Bottega del Liocorno, Il Cerchio Quadrato Onlus per la mostra «Joan Miró. Il linguaggio dei segni»

Il 24 settembre si è inaugurata al PAN|Palazzo Arti Napoli, via dei Mille 60
una bellissima mostra: Joan Miró. Il linguaggio dei segni che porta in città 80 splendide opere che  l’artista catalano ha realizzato in  sessanta anni di ricerca creativa.

Grazie al Progetto PANkids, voluto dall’Assessorato alla Cultura del Comune,  la mostra viene affiancata da un’offerta diversificata di visite guidate, percorsi creativi e laboratori per bambini, ragazzi, adolescenti, scuole di ogni ordine e grado, gruppi e famiglie.

Le opere di Mirò verranno raccontate ai bambini ed agli adolescenti con i linguaggi diversi delle diverse associazioni.

Punto di incontro delle diverse sperimentazioni è la consapevolezza della centralità dell’arte e della creatività nello sviluppo sia personale che sociale di bambini ed adolescenti. I laboratori manipolazione, architettura, arteterapia, lettura, narrazione, scrittura creativa e teatro educazione raccontano attraverso il fare ed il gioco la ricerca espressiva di un artista innovatore e sperimentatore in tutto l’arco della sua lunghissima parabola creativa.

Ogni giorno i laboratori sono a cura di una delle cinque associazioni secondo il seguente calendario che pubblicheremo e aggiorneremo sulla pagine social delle singole associazioni e di Pankids.

27 settembre Kolibrì
28 settembre Arteteca at work
29 settembre La Bottega del Liocorno
30 settembre Archipicchia
2 ottobre Arteteca at work
3 ottobre Il cerchio quadrato
4 ottobre Kolibrì

INFORMAZIONI

  • Orari: dal lunedì alla domenica ore 9:30 – 19:30 (martedì chiuso)
  • Dove: PAN Palazzo delle Arti Napoli – Via dei Mille, 60, 80121 Napoli NA
  • Info e prenotazioni (obbligatorie, per le scuole 7 giorni prima): Tel. Ufficio prenotazioni + 39 334 132 42 81
  • Durata visita mostra + laboratori: Dai 90 minuti per i più piccoli alle due ore per i più grandi.
  • Partecipanti: da un minimo di 10 a un massimo di 30 partecipanti per visita e laboratorio.
  • Costi: € 4,50 ad alunno per le scuole; € 5 il sabato e la domenica; € 10 dal lunedì al venerdì nel pomeriggio.
  • Altri orari possono essere concordati per gruppi di minimo 15 bambini.

Al Carrefour: 12 laboratori gratuiti di educazione alimentare per bambini

L’impegno di Carrefour Italia in Act For Food si allarga anche ai bambini, con il programma di educazione alimentare Act For Food KIDS i più piccoli diventeranno i protagonisti della Transizione Alimentare.

Divertirsi e imparare, è questa la formula studiata per i piccoli partecipanti del programma Act For Food Kids che guidati dai nostri superheroes scopriranno in 12 laboratori gli aspetti più importanti legati all’alimentazione quotidiana.”

Si comincia sabato 21 settembre, ore 11,  con un incontro di 45 minuti dedicato alle etichette alimentari: Locandina.

Sul sito dedicato è disponibile l’agenda degli appuntamenti, i punti vendita aderenti (su Napoli  Via Morghen e Corso Europa) e il modulo di prenotazione.

Fiabe d’autunno 2019: Teatrini all’orto Botanico

Al via la 24° edizione della rassegna de I Teatrini e dell’Università degli Studi Federico II

FIABE D’AUTUNNO ALL’ORTO BOTANICO

Dieci titoli in programma, ogni sabato e domenica dal 14 settembre al 17 novembre 2019 (e sempre alle ore 11)

“Storia di un albero e di un bambino”, sabato 14 settembre 2019 (ore 11, replica domenica 15) è lo spettacolo di Giovanna Facciolo con cui si inaugura la 24 edizione delle “Fiabe d’Autunno” all’Orto Botanico di Napoli.

La rassegna dedicata ai piccoli, tra le più longeve in Italia, è ideata e promossa dall’Associazione I Teatrini e realizzata con l’Università degli Studi Federico II in collaborazione con la Regione Campania ed il Comune di Napoli.

Proseguirà fino al 17 novembre con dieci titoli che propongono riscritture originali di favole e racconti di Esopo, Fedro, La Fontaine, Shel Silverstein, Lyman Frank Baum, James Matthew Barrie, Fratelli Grimm, Hans Christian Andersen, Carlo Collodi, Lewis Carroll.

“24 anni fa – sottolineano Giovanna Facciolo e Luigi Marsano, rispettivamente direttori artistico ed organizzativo de I Teatrini – iniziammo questo percorso e da allora, con un entusiasmo sempre crescente affrontiamo il nostro quotidiano impegno per i ragazzi, nelle tante programmazioni, in autunno, inverno, primavera e, quest’anno anche d’estate, per offrire ai piccoli spettatori napoletani, al pari di tante consolidate realtà nazionali, concrete opportunità di conoscenza, incontro, riflessione e svago”.

La rassegna comincia con un testo originale, scritto e diretto da Giovanna Facciolo, attraverso cui si propone la storia di un albero e del suo rapporto con un bambino. Liberamente ispirato ad un racconto illustrato di Shel Silverstein, è interpretato da Jessica Festa, Antonio Torino, Viviana Ulisse; costumi di Antonietta Rendina, scene di Monica Costigliola.

“E’ il delicato racconto – sottolinea Giovanna Facciolo – dell’amore di un albero per un bambino, amico e compagno di giochi. Un sentimento che la meravigliosa pianta conserverà nel tempo, senza riserve. Come un grande genitore, seguirà le tappe della sua vita, dall’infanzia alla vecchiaia, ognuna segnata da urgenze e richieste differenti, sempre più grandi e impellenti”.

Dopo la “Storia di un albero e di un bambino”, le Fiabe d’Autunno proseguiranno con Il popolo del bosco (21 e 22 settembre), Le favole della saggezza (28 e 29 settembre), Nello specchio di Biancaneve (5 e 6 ottobre), Nel regno di Oz (12 e 13 ottobre), Con le ali di Peter (19 e 20 ottobre), Un brutto anatroccolo (26 e 27 ), L’albero del sole (2 e 3 novembre), Gli alberi di Pinocchio ( 9 e 10 novembre), Come Alice… (16 e 17 novembre).

Le fiabe all’Orto Botanico sono ormai un appuntamento atteso, nella programmazione autunnale così come in quella primaverile, per migliaia di persone, adulti e bambini, che ritrovano, a contatto diretto con la natura, momenti di gioco e di studio entrando in relazione attiva con personaggi e storie che appartengono alla nostra cultura ed alla nostra civiltà.

Biglietto: euro 8, unico per adulti e bambini; info e prenotazioni tel. 0810330619 (ore 9,30 – 15,30) http://www.iteatrini.it