“Mamma, le mamme!” di Valeria Prestisimone

“Mamma, le mamme!” il libro di una mamma napoletana che aiuta sdrammatizzando le piccole insicurezze

recensione di GIULIA a “Mamma , le mamme!”- di Valeria Prestisimone, ed. Vallardi

“Quando rimasi incinta, 9 mesi e mezzo fa, la prima cosa che cominciai a fare fu… vomitare! Le amiche già mamme, le nonne future, tutte dissero che era normale e che sarebbe passato allo scadere del III mese. Ho fatto l’ultima visita in bagno un paio d’ore prima di partorire…

Al 7° mese gravidanza, durante una cena, le già mamme presenti mi raccontarono le loro peggiori esperienze in fatto di figli da 0 a 15 anni

Alla psicologa del corso pre-parto chiesi come potevo difendermi dalle altre mamme, ma mi guardò come se dovessero rinchiudermi!

Poi, finalmente, nacque mia figlia e di nuovo, tutte quelle che già ci erano passate, cominciarono a dire che i primi tre mesi erano i più difficili…

Una volta compiuti i tre mesi, alzarono l’asticella, come nel limbo: i primi 6, oggi i primi 9, poi “il primo anno è più difficile!”

Insomma, una fregatura totale e, in più, le già mamme scodellano continui consigli infallibili, in aggiunta all’onnipresente ‘ai miei tempi’ delle nonne: o proiettano su tuo figlio le loro ansie, o proiettano su tuo figlio le difficoltà che hanno avuto, o proiettano su tuo figlio le loro convinzioni. Insomma, pronte a farti venire tutte le paranoie del mondo!

C’è una unica incrollabile certezza: ad ogni richiesta del neonato corrisponde solo una precisa esigenza: mangiare! Anche se il lattante ha il pannolino sporco, una mano mozzata, la febbre a 50…la verità è sempre che ‘ha fame! ha fame!’.

Il padre della creatura, poi, è quell’uomo appena uscito da un ashram invece che da una sala parto, per cui il lattante e le sue problematiche sono da affrontare con spirito zen e calma: è caduto? calma, e che sarà mai! vomita? calma, basta asciugarlo! ha la febbre? embè? calma, un po’ di Tachipirina e passa! Insomma, mai nessuna preoccupazione o timore che l’esserino ti possa spirare tra le braccia da un momento all’altro… Poi dicono della depressione post partum! e ti credo: te la fanno venì…

Poi se chiedi un reale aiuto rispondono (in coro, tipo tragedia greca): “Segui l’istinto!” e si levano dai paraggi tutti insieme…

Mia figlia dorme poco, ma pare che questa cosa sia capitata solo a me, che a sentire ‘le altre’ hanno avuto tutte figli narcolettici…per fortuna mi sorride tanto e mi basta per non crollare a dormire dove capita, anche con lei in braccio. Il fatto che l’abbia allattata solo un mese e mezzo mi rende la “madre peggiore del mondo Award 2013”.

Un giorno, allo scadere del primo mese, confessai alla cugina di mio marito che mi sentivo inadeguata e lei, sorridente e serena mi rispose: “Tu SEI inadeguata, lo siamo state tutte!” E finalmente mi calmai!!!

Ma cosa fare se non avete nessuno che possa darvi questo sollievo per andare avanti e vivere serenamente la vostra esperienza UNICA ed IRRIPETIBILE?

SI PUO’, leggendo questo libro divertentissimo scritto da una mamma napoletana, Valeria Prestisimone, che tra una risata e l’altra affronta questo tema, molto più diffuso di quanto sembri: ogni maternità è un momento irripetibile ed incomparabile, ma occorre anche confrontarsi per risolvere i piccoli problemi e le naturali incertezze di tutte noi!

In più, il testo è corredato anche dai piccoli consigli di una psicologa.

Costa poco poco e dovremmo tenerlo sempre a portata di mano, in caso di ‘panico da primipara’…ma farebbero bene a leggerlo anche tutte le altre, già mamme e…perchè no, future mamme!”

CLICCA l’immagine per leggere la scheda dell’editore

Immagine

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...