Il ricordo di Valeria tra Venezia e Napoli

solesingazzettino241115

Il Gazzettino di Venezia (24/11/2015): l’intervista alle mamme napoletane

valeriasolesin191115

Il Gazzettino di Venezia (19/11/2015)

Oggi, nel giorno del saluto di Venezia (e di tutta Italia) a Valeria Solesin, il quotidiano della sua città dedica un ricordo “napoletano” alla giovane dottoranda che due anni fa incontrò le nostre mamme.

Quando il giornalista veneto Paolo Navarro mi ha contattato perché come tanti sentiva il desiderio di conoscere meglio la vita e la personalità di questa sfortunata e straordinaria ragazza, mi è venuto in mente che anche io avrei voluto ascoltare il racconto di quegli incontri a cui non avevo potuto partecipare. E mi è venuto in mente anche che, attraverso le pagine di quel giornale, il nostro saluto sarebbe sicuramente arrivato alla famiglia e al compagno di Valeria, colui che l’aveva stretta a sé negli ultimi drammatici momenti. Perciò ho accettato con entusiasmo l’idea della “intervista alle intervistate”.

Leggendo i racconti di Elisabetta e Alessandra pian piano mi si è sovrapposta all’immagine angosciosa che si era fissata nella mente leggendo sui quotidiani i dettagli dei suoi ultimi momenti, l’immagine di una ragazza tostissima 🙂 pronta a andare a casa di perfette sconosciute (per di più… napoletane!! lei, veneta); ma anche una ragazza sensibile e disposta ad ascoltare “con delicatezza” (come scrive Alessandra) noi mamme imperfette, calandosi in un ruolo che non era (ancora) il suo (le mamme lavoratrici italiane… brrr tutto un programma!); ho capito meglio, insomma, anche la scelta di quel nome facebook che mi aveva contattato due anni fa: Valeria “Sole”.

Un Sole corredato dall’allegra foto-profilo di una ragazza che fa una capriola.

 

La voglio ricordare così. Una ragazza -tosta e sensibile- tra Venezia, Napoli e Parigi, in lotta per un mondo migliore per le donne. E che il suo “Allez les filles au travail! (Forza ragazze al lavoro)” sia l’auspicio di un cambiamento per le donne e per famiglie, perché secondo le parole di Valeria «in un contesto europeo in cui si promuove l’occupazione femminile non si possono ignorare le conseguenze dell’arrivo dei figli sull’attività professionale delle donne» ed è da auspicare «una maggiore condivisione delle responsabilità familiari e professionali tra le donne e gli uomini in entrambi i paesi».

Ecco l’articolo di oggi.

***

(di Raffaele Rosa, da Il Gazzettino di Venezia, 24/11/2015)
Le mamme del blog di Napoli che parteciparono a una ricerca

«Ci fece riflettere sul nostro ruolo»
«Una ragazza molto disposta ad ascoltare, poco invadente ma tanto aperta al mondo e alle sue sfaccettature». Elisabetta è una mamma di due bambine. Abita a Napoli e due anni fa ha conosciuto Valeria Solesin durante un suo viaggio di ricerca nella città partenopea, scelta con Firenze e Venezia, per intervistare alcuni genitori disposti a raccontare la loro storia familiare in modo da fare una comparazione tra Francia e Italia su desiderio dei figli, maternità e conciliazione tra lavoro e famiglia. «Quando lessi, con altre mamme, la sua mail sul blog “Napoli per bambini” provai subito una certa simpatia per Valeria – racconta Elisabetta – Ero felice che ci avesse contattato per la sua ricerca perché anche io avevo compiuto il suo percorso di studi ed avevo fatto il dottorato a Parigi. Ricordo molto bene quella giornata, era il dicembre 2013. Lei venne a casa mia, incontrò me, mio marito e la mia primogenita che allora aveva un anno e mezzo. Un pomeriggio trascorso a parlare non solo del tema della ricerca ma anche di Parigi, della differenza tra il fare ricerca in Italia e in Francia, della gestione familiare e del ruolo di madre e padre». Di Valeria che ricordo le resta? «Una ragazza molto determinata, con nessun problema di relazionarsi, anzi, ha saputo subito creare un feeling perfetto grazie alla sua grande disponibilità, apertura, ma anche conoscenza. Quando ho visto la sua faccia al telegiornale mi è venuto un colpo al cuore. Una notizia agghiacciante che ha colpito tutte le mamme del nostro blog che l’avevano conosciuta. Ci è sembrato fosse morta una di noi, una come noi». Il blog Napoli per bambini nei giorni scorsi ha dedicato un post a Valeria con le testimonianze di altre mamme che l’avevano conosciuta quel giorno. «Poche domande e una gran voglia di ascoltare – scrive Alessandra -. Ci diede la possibilità di fermarci e riflettere su di noi, con una delicatezza straordinaria. La ricordiamo con affetto e gratitudine, pur sapendo che nessun ricordo e nessuna parola in questo momento possono alleviare il dolore dei suoi cari e dare un senso a quanto accaduto».

 

Annunci

Ciao Valeria la dottoranda delle interviste

image

Valeria Solesin mi aveva scritto due anni fa su questo blog. Poco dopo incontró e intervistó alcune mamme di Napoli sul suo argomento di dottorato, la genitorialità e la possibilità di conciliare famiglia e lavoro per le donne: un figlio o due? confronto tra Italia e Francia.
Mamma Eli ci ha scritto che è lei l’italiana uccisa al Bataclan. L’ha riconosciuta lei perché era fra le mamme intervistate all’epoca e chissà se oltre lei Valeria aveva incontrato e intervistato anche altre mamme napoletane (nel post su facebook si erano rese disponibili a incontrarla anche Fatima e Alessandra). Scrive Eli:

“Valeria Solesin, la dottoranda veneziana uccisa al Bataclan di Parigi venerdì sera, aveva scritto due anni fa su questo blog alla ricerca di giovani genitori da intervistare nell’ambito delle sue ricerche di dottorato, dedicate alla conciliazione tra lavoro e famiglia in un confronto tra Italia e Francia. Ci eravamo volentieri lasciati intervistare da lei un pomeriggio a casa nostra a Napoli e avevamo trovato le sue ricerche davvero interessanti. Ci dispiace tantissimo che non sia riuscita a portarle a termine. Ringraziamo il blog di Laura per averci fatto conoscere, seppur brevemente, una ragazza così in gamba. “

Scrive anche Alessandra di Mammamà:

“Valeria Solesin aveva contattato anche mammamà e intervistato alcuni di noi.
Ricordo l’incontro a casa, lunghissimo e piacevole. Poche domande e una gran voglia di ascoltare.
Ci diede la possibilità di fermarci e riflettere su di noi, con una delicatezza straordinaria.
La ricordiamo con affetto e gratitudine, pur sapendo che nessun ricordo e nessuna parola in questo momento possono alleviare il dolore dei suoi cari e dare un senso a quanto accaduto.”

Avrei voluto leggere un giorno il nome di Valeria accanto al titolo della sua ricerca di dottorato, il cui interessantissimo assunto traduco sotto: è il mio omaggio a lei.

Quando mi contattò confesso l’ho un po’ invidiata, libera e bella a Parigi, a intervistare noi qui a fare le mamme e a sentirci per la maggior parte di noi perennemente inadeguate tra famiglia e lavoro; mi sono venuti in mente i lontani anni del mio Erasmus. Stasera non riesco a togliermi da dosso una tristezza infinita. Mi auguro che il mio messaggio, con quello di Eli che ho scritto sopra, possa arrivare a chi le voleva bene e possa essere per loro una piccola lieve carezza. Speriamo tutti che arrivi presto un mondo di pace, quello per cui si era battuta la stessa Valeria nei suoi anni con Emergency.

Argomento di ricerca di Valeria Solesin, Paris I.

Uno o due figli ? Analisi dei determinanti della fecondità in Francia e in Italia.

Francia e Italia sono due paesi che si contrappongono per quanto riguarda la fecondità e l’attività femminile. L’indice congiunturale di fecondità è di 2 figli per donna in Francia contro 1,4 in Italia. Riguardo il tasso di impiego femminile, esso è superiore alla media europea nel primo stato, ma inferiore nel secondo. Alla luce di tali differenza, un confronto dei comportamenti di fecondità tra questi due paesi si rivela interessante. Si tratterà di studiare l’impatto di una prima nascita sull’attività delle donne per interessarsi in seguito delle intenzioni di fecondità nella coppia che ha già un bambino. Per fare ciò, ricorreremo a un approccio nello stesso tempo quantitativo (a partire dalle ricerche Generations and Gender Survey, Familles et Employeurs per la Francia e Indagine Campionaria sulle Nascite per l’Italia) e qualitativa, attraverso interviste a coppie francesi e italiane al fine di indagare la questione della conciliazione famiglia-lavoro.

 

Gli articoli del GAZZETTINO DI VENEZIA.

Le interviste di Valeria

Care mamme,

una giovane italiana  dottoranda a Parigi (Università della Sorbona) ci ha contattato per poter intervistare delle mamme napoletane, ai fini della sua ricerca.

Siamo felici che la nostra rete si espanda Oltralpe e, anche se non conosciamo direttamente Valeria, auguriamo a lei buona fortuna e ci auguriamo che nel suo prossimo soggiorno a Napoli trovi mamme disposte a rispondere alle sue domande.

Magari le si potrebbe proporre un bar o altro dove incontrarla.

Che ne pensate?

Inoltriamo il suo messaggio.

***

AAA cercasi mamme e papà per interviste:
Mi chiamo Valeria Solesin e sono una studentessa in Dottorato di Demografia presso l’Institut National
d’Etudes Démographiques e il Centre de Recherche de l’Université de Paris 1 Panthéon-Sorbonne.
Nell’ambito della mia ricerca dottorale sono interessata ad intervistare dei genitori di 1 o 2 bambini che
abitino nella provincia di Napoli. Lo scopo della mia ricerca é una comparazione tra Francia e Italia rigurdo il
desierio dei figli, la maternità e la conciliazione tra lavoro e famiglia.
Le interviste potranno svolgersi in faccia a faccia poiché saró a Napoli dal 15 al 23 dicembre 2013. Tutti
coloro che fossero interessati a partecipare alla ricerca potranno contattarmi all’indirizzo mail:
valeria.solesin@ined.fr
Le informazioni raccolte resteranno strettamente confidenziali e utilizzate solo a scopi scientifici.
Vi ringrazio sinceramente per l’attenzione e vi prego di diffondere questo messaggio al più ampio pubblico
possibile.
Valeria Solesin
Institut National d’Etudes Démographiques
133, boulevard Davout
75980 Paris Cédex 20
France
Per maggiori informazioni :
http://www.univ-paris1.fr/recherche/pageperso/
page/?tx_oxcspagepersonnel_pi1[page]=recherche&tx_oxcspagepersonnel_pi1[uid]=e09g9ki00zg
Per saperne di più :
http://www.neodemos.it/index.php?file=onenews&form_id_notizia=743
Mi presento:
Sono una studentessa italiana ma vivo a Parigi dal 2009 dove svolgo i miei studi superiori.
Laureata in “Sociologie et Statistique” presso l’Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales nel 2011, ho
deciso poi di specializzarmi in Studi Demoografici, ottenendo nel 2012 una laurea in “Dynamique des
Populations” presso l’Institut de Démographie de l’Université de Paris 1 Panthéon-Sorbonne.
La mia riceca dottorale é finanziata dalla Caisse des Allocations Familiales1 e dall’Institut National d’Etudes
Démographiques2 .

1
Ente previdenziale francese (sorta di INPS oltrealpe).
2
Istituto di ricerca specializzato negli studi sulla popolatione: http://www.ined.fr.