A PAN i bambini sono ROCK!

Il Palazzo delle Arti di Napoli ospita per la quarta volta ROCK!, la mostra internazionale sul rock e i suoi linguaggi.

Nelle prime tre edizioni hanno visitato la mostra ben 39.000 visitatori, per più di 50 appuntamenti tematici, incontri con protagonisti della scena musicale internazionale e italiana, oltre 60 itinerari guidati con scuole, accademie, licei d’arte, associazioni culturali e studenti universitari; proiezioni di documentari esclusivi; presentazioni di libri, cd e live-set coinvolgenti.
La mostra internazionale sul rock e i suoi linguaggi è ideata e diretta da Carmine Aymone e Michelangelo Iossa, giornalisti, critici musicali e docenti di storia del rock.

Anche quest’anno la mostra includerà migliaia di oggetti tra memorabilia, gadget, vinili, audiovisivi, fotografie, manifesti d’epoca, strumenti musicali (e molto altro) provenienti da alcune tra le più importanti collezioni private italiane ed europee.

Come è ormai consuetudine, inoltre, partiranno domani, sabato 1 marzo 2014, le attività di Baby Rock.

Dalle ore 11.00 alle ore 13.00 le sale del II piano del PAN | Palazzo delle Arti Napoli (via dei Mille 60) ospiteranno le attività dell’area tematica BABY ROCK!, con attività ludico-didattiche per bambini dai 4 ai 12 anni [accompagnati dai genitori].

Ogni sabato mattina – dal 1° marzo al 5 aprile 2014 – dalle ore 11.00 alle ore 12.00 verranno proposte attività pittorico/grafiche a cura delle Scuole del Suor Orsola Benincasa di Napoli e, dalle ore 12.00 alle ore 13.00, si terranno lezioni di inglese ‘a suon di rock’ con gli insegnanti del British Council – Napoli.
Le attività dell’area ‘Baby Rock’ sono destinate ad un massimo di 20 bambini, accompagnati dai genitori: quest’area torna a caratterizzare la programmazione del sabato mattina della mostra ROCK! per il terzo anno consecutivo.

Mostra ROCK Napoli

La mostra “ROCK!4” è visitabile tutti i giorni dalle ore 9.30 alle ore 19.30 – la domenica dalle ore 9.30 alle 14.30. Il martedì sono chiuse le sale espositive.
L’ingresso alla mostra è gratuito.

Per informazioni consultare la pagina ufficiale della mostra ROCK!: Mostra Rock Napoli.

Bambini gratis a Città della Scienza

Ricominciamo dai dinosauri

Da sabato 18 gennaio ingresso gratuito a Città della Scienza per tutti i bambini fino a 12 anni dalle 10 alle 13.

L’iniziativa non è riservata solo alla giornata di sabato ma probabilmente si ripeterà anche in altri giorni.

Ma nel frattempo se non avete ancora deciso cosa fare nel prossimo weekend questa potrebbe essere l’occasione giusta per visitare insieme ai bambini le mostre che sono attualmente allestite negli spazi di Città della Scienza nell’ambito di Futuro Remoto 2014: Brain – i visitatori potranno camminare all’interno di un modello del nostro cervello, i cui straordinari fenomeni sono stati ingranditi per portarli alla nostra stessa dimensione – la mostra sui Cuccioli e le Uova di Dinosauro – che ricostruisce in scala reale diversi nidi rivenuti negli ultimi anni, offrendo ai piccoli visitatori la possibilità di scoprire com’erano i cuccioli di dinosauro appena usciti dalle uova, e come gli adulti si prendevano cura di loro.

Inoltre nella mattinata i piccoli visitatori potranno prendere parte ai laboratori con l’argilla e scoprire il mondo delle formiche tagliafoglie.

Tutte le info qui

MammaNews

Una cucina a misura di bimbo. Perché non cominciare a Natale?

Lo gnomo negli ultimi mesi – da quando va a scuola, soprattutto – mi dice spesso, quando mi vede affaccendata: “Mamma, posso aiutare?” E così è cominciata la nostra avventura insieme in cucina. E quando ho capito che ci prendeva gusto, che stare con me in cucina lo rendeva più curioso verso le novità in fatto di cibo, ho deciso che era il caso di attrezzarsi. Per cui se – in queste feste di Natale – complice un po’ più di tempo a disposizione, volete tentare a vostra volta questa avventura a 4 mani in cucina, vi consiglio di renderla prima a misura dei vostri bimbi altrimenti rischiate solo capricci (per loro) e isterismi (per voi).

Image

E allora fondamentale è uno sgabello se i vostri piccoli – come il mio – non arrivano ancora al piano di lavoro.

Certo possono stare seduti e lavorare sulla tavola ma – vi assicuro – che in piedi funziona meglio. Una spianatoia dove far appoggiare loro gli impasti (conviene sempre partire da quelli); un mattarello su misura per loro. Impresa non titanica dato che se trovano di tutte le fogge e i colori. Delle spatole che saranno il loro strumento di taglio senza che incorrano in rischi; un grembiule solo per loro (idem come i mattarelli, cioè se ne trovano tranquillamente anche nei negozi che vendono divise da lavoro) e ciotole di plastica di varie dimensioni dove pesare gli ingredienti e dove farli lavorare.

L’industria di utensili da cucina – così come l’editoria – non si è lasciata sfuggire questa nuova “fetta di mercato” (magari su questo argomento tornerò poi in un altro momento dandovi delle dritte) e per far lavorare in sicurezza i bimbi in cucina ormai c’è di tutto.

Se vedete che ci prende gusto, che si diverte, che vi divertite anche voi e che il suo rapporto con il cibo migliora, allora potrete “affinare” i vostri acquisti e passare a taglia biscotti di varie forme ( io sto lavorando molto con lettere e numeri così uniamo l’utile al dilettevole), coloranti alimentari per creme, torte e glasse, codette di cioccolato, zucchero colorato e gocce di ogni tipo.

Ma soprattutto rilassatevi e godetevi a piene mani questo momento con vostro figlio.

Lucia, mamma di un bimbo di tre anni, appassionata di cucina per bambini, con Le Cugine adora far pasticciare i bambini in cucina. Ogni settimana ci porterà nel suo mondo fatto di cose buone da comprare, cucinare e mangiare insieme ai bambini. Con un occhio al nostro territorio e alle nostre tradizioni!

Winnie The Pooh, Il giorno del ringraziamento e…i mini burgher di tacchino!

E’ noto che i bambini attraversano varie fasi nel corso della loro crescita e… vivono varie “fisse”.

Il mio piccolo uomo treenne, per esempio, in questo periodo è in “fissa” per Winnie The Pooh e attraversa la fase del “cos’è?”.

Le due cose sommate assieme oggi hanno determinato che – all’ennesima visione del dvd Winnie The Pooh “Tempo di regali” – lo gnomo mi chiedesse “Mamma, cos’è Ringraziamento?” dato che l’orsetto va in cerca di un enorme tacchino per festeggiare appunto il Thanksgiving .

Ovviamente perdersi in lunghe digressioni storiche  sull’arrivo dei Padri Pellegrini a Plymouth che per primi – nel 1621 – celebrarono con una grande festa la fine del primo ricco raccolto in terra americana, comprenderete che non avrebbe avuto molto senso per cui mi sono buttata…sul cibo.

mini burgher

E ho raccontato al “Winnie dipendente” che in questo giorno ogni anno ci sono tanti bimbi, in un posto lontano, lontano, che dicono “grazie” per le tante cose buone che possono magiare in quel giorno: la zucca, le patate, il granturco e il tacchino, appunto. E allora è partita la “caccia al tesoro” per cercare in casa le sopracitate “cose buone”: le patate le aveva la mamma in cucina e la zucca e il granturco li aveva Lolò – di stoffa – nel suo cestino della spesa.

Lui ha deciso di disegnarle ed io – in parte –  di cucinarle: frittata al forno con la zucca, un piatto unico che piace a grandi e piccini, e mini burgher di tacchino per far mangiare ai nostri bimbi una carne che di solito non conoscono o non preferiscono. Vi basterà unire alla carne macinata di tacchino, delle carote grattugiate, dei piselli, un pizzico di sale e un po’ d’olio extravergine d’oliva.

Dall’impasto potete tirar fuori tanti piccoli mini bugher che poi cuocerete (5 minuti per parte) in una padella appena unta di olio. Se poi li servite in piccoli panini al latte con una foglia di lattuga e una fetta di pomodoro, il momento della cena diventerà simile ad un pic-nic di Ringraziamento.

Morale della favola?  In cucina, si può rispondere anche al più insidioso….”cos’è?”.

Lucia, mamma di un bimbo di tre anni, appassionata di cucina per bambini, con Le Cugine adora far pasticciare i bambini in cucina. Ogni settimana ci porterà nel suo mondo fatto di cose buone da comprare, cucinare e mangiare insieme ai bambini. Con un occhio al nostro territorio e alle nostre tradizioni!

Mercatini di Natale 2013 a Napoli e provincia

Perché aspettare il giorno dell’Immacolata per programmare una gita con i bambini alla ricerca di decorazioni, addobbi per l’albero, presepi e tanti altri oggetti in puro stile natalizio?

A Napoli e nei dintorni gli appuntamenti con i mercatini di Natale sono già partiti.

Ad esempio a Limatola il mercatino di Natale è già partito, consultate le date sul sito, e si tratta di un luogo davvero suggestivo perché il tutto è allestito nel castello e nella cittadella medievale.

castello limatola mercatino natale

A Sorrento, i mercatini di Natale partiranno l’8 dicembre.

A Cercola, presso Villa Buonanno, dal 6 all’8 dicembre il mercato di Natale conta circa 40 espositori e tanti eventi, come i cori Gospel.

A Boscoreale, verrà allestito dall’8 al 23 dicembre il Boscoreale Christmas Village: tanti gli stand gastronomici, eventi musicali e artistici e tanti eventi dedicati ai bambini.

A Pompei l’associazione Pompei Now organizza ogni anno il Natale in Fiera nell’area espositiva del Santuario: 1500 metri quadrati di bancarelle, prodotti gastronomici e artigianali.

A Bacoli, il tradizionale mercatino di Natale con bancarelle di artigianato, spettacoli ed eventi musicali.

A Chiaiano, appuntamento come ogni anno con il Presepe Vivente e con la festa di Natale: in piazza i personaggi del presepe metteranno in scena la Natività mentre presso gli stand sarà possibile trovare tante cose buone da mangiare e oggetti da acquistare.

Ma se vogliamo restare in città ecco le ultime notizie sui mercatini di Natale.

Quest’anno sono previste più di 60 fiere natalizie e 27 quartieri coinvolti: dallo storico mercato dei presepi di San Gregorio Armeno – le bancarelle verranno allestite a partire dal 5 dicembre, mentre le botteghe degli artigiani sono aperte tutto l’anno – al mercato alle spalle di via Toledo, dal mercato natalizio di via Ruoppolo al Vomero, nei pressi dei giardini.

E ancora, ecco qualche evento pensato appositamente per i bambini: l’8 dicembre presso Villa Diamante a Posillipo, un’area allestita appositamente per i bambini per l’evento “La villa dei balocchi” . Il 14 dicembre, presso l’Ostello di Mergellina, dalle ore 10:00 alle 19:00 il mercatino artigianale Natalizio e alle 17.30 tombolata scherzosa realizzata dai bimbi del corso di teatro (info: 333.8532492). L’ExpoMe si terrà invece al Green Park di Posillipo il 14 dalle 10.00 alle 20.00 e il 15 dalle 10.00 alle 15.00: il 14 alle 16.30 laboratorio di cucina creativa per bambini (biscottini e muffins: info 3286185980).

Segnalateci i mercatini di Natale che avete visitato o che conoscete: li aggiungeremo a questa lista!

MammaNews

7 novembre: riparte Città della Scienza

Città della Scienza riparte con i misteri e la meravigliosa complessità del cervello umano e dai cuccioli di dinosauro.

Dal 7 novembre infatti Città della Scienza riapre i battenti con Futuro Remoto dopo il rogo del marzo scorso.

E lo fa con due eventi da non perdere.

Brain Città della scienza

“BRAIN Il mondo in testa”: la mostra  accoglie i giovani visitatori nel cuore del cervello umano, dove, in un tunnel scintillante, le cellule cerebrali – i neuroni – li travolgono. Fibre ottiche lampeggianti illuminano reti di neuroni che si accendono e comunicano tra loro. Una galleria di cervelli animali pone domande inevitabili: in che modo il nostro cervello è uguale a quello degli animali? In che modo siamo differenti? I segnali del cervello lungo la rete neuronale forniscono sorprendenti messaggi sulle dimensioni, sulla velocità e sulla complessità del cervello. Il messaggio è chiaro: il cervello è emozionante, è sorprendente ed è in costante cambiamento.

Effetti speciali, animazioni, riproduzioni 3D e simulazioni virtuali coinvolgeranno i ragazzi in un ambiente allo stesso tempo divertente ed educativo.

Continua a leggere